Museo Salvatore Ferragamo

Ciao! oggi ho deciso di raccontarvi un altro dei miei viaggi, La destinazione è Firenze. Il museo che questa volta ho visitato è quello di Salvatore Ferragamo.

Il museo sorge nello storico palazzo Spini Feroni a piazza Santa trinità. Nasce nel 1995 per raccontare la storia di Salvatore Ferragamo.

Un patrimonio di inestimabile portata e valore storico arricchisce la raccolta del museo, con le sue 10.000 calzature, documenti, fotografie, forme e arnesi da lavoro.

Nel 1927 Ferragamo ritorna in italia dopo aver vissuto 13 anni negli stati uniti. Emigrato nel 1914 diviene famoso realizzando calzature artigianali per le star di Hollywood.

ferragamo scarpe

Al suo rientro decide di stabilirsi a Firenze, città conosciuta nel mondo per l’attiva produzione artigianale e particolarmente amata dagli americani.

Due anni dopo vengono registrati i primi brevetti per modelli ornamentali e d’utilità.

L’archivio storico comprende modelli dal 1929 al 1960.

Tra il 1934 e il 1937, anche a seguito della crisi finanziaria del 1929 e ad una cattiva gestione amministrativa, Salvatore Ferragamo è costretto a dichiarare Banca rotta.

Ma non si arrende, aprirà un nuovo negozio dove tuttora vi è la sede dell’attuale museo.

qui di seguito riportati gli ambienti del museo Salvatore Ferragamo, e le scarpe esposte.

museoferragamo1

museoferragamomarylin

museosalvatoreferragamo1

museroferragamo
IF

Un’importante particolarità della calzatura Ferragamo è che sono state mantenute le taglie americane, consistenti in 12 misure di calzatura e 3 misure di pianta del piede per ogni taglia. Questo per far si che il confort originario della scarpa creata da Salvatore Ferragamo rimanesse ad altissimi livelli.

taglieFerragamomuseo

Un’archivio storico davvero vasto e di valore, da visitare assolutamente!